iStockphoto: creare un branding visivo per la PMI

Home / Blog / iStockphoto: creare un branding visivo per la PMI

iStockphoto: creare un branding visivo per la PMI

Da bambini, abbiamo imparato a non giudicare dalle apparenze. Tuttavia, questa lezione non viene necessariamente applicata al business e i clienti tendono spesso a giudicare un’azienda dall’immagine che dà di sé. Di conseguenza, creare un’identità visiva aziendale, che catturi l’attenzione dei clienti e comunichi i giusti messaggi, è fondamentale.
L’identità visiva gioca un ruolo chiave nella strategia di branding di tutte le aziende, a prescindere dalle loro dimensioni o dal settore in cui operano. Come espressione visiva della marca, essa comprende molti elementi di design quali forma, colore, immagini, tipografia e composizione. Uno stile coerente dovrebbe essere identificabile in tutti gli ambiti della comunicazione visiva, dai materiali promozionali stampati ai contenuti digitali. Per essere preso sul serio, al giorno d’oggi hai bisogno di una chiara presenza online, supportata da materiali promozionali in linea con l’identità visiva aziendale, che la rafforzino. Questa forte identità aiuterà la tua azienda ad essere immediatamente riconosciuta, distinguendola dai competitor e generando fidelizzazione.

Illustrazioni per il business

Branding visivo
Progettare l’identità visiva del tuo brand implica che ti siano molto chiari, già in partenza, i messaggi che vuoi trasmettere.
Dai alla progettazione visiva del tuo brand lo stesso peso che al tuo business plan. Definisci le tue idee e i tuoi obiettivi in modo chiaro. Esamina i tuoi contenuti e scegli i concetti chiave e i temi più ricorrenti. Utilizzando queste idee come “parole chiave”, inizia a cercare gli elementi di design e le immagini che le riflettono meglio. Ricorda che le immagini dovrebbero essere utilizzate come interruzioni visive dei tuoi contenuti per aiutare lo spettatore a comprendere quanto scritto.

Vettoriali

Scegli la semplicità
Anche se il livello dipende dal brand, una regola cardinale del design è che, di norma, la semplicità è la cosa migliore. Un’illustrazione chiara e intuitiva comunicherà velocemente un’idea anche a distanza. Un’immagine vale più di mille parole, quindi le immagini che sceglierai diranno molto del tuo brand.
Seleziona delle immagini che posseggano dei tratti distintivi, qualcosa che dia nell’occhio e renda il tuo brand indimenticabile, e mantieni sempre coerente il tuo stile. Se stai utilizzando un’illustrazione, guarda cos’altro ha prodotto l’artista e pensa a come incorporare questi visual nel tuo marketing on- e offline. In questo modo, comunicherai in modo coerente e darai l’impressione che queste immagini siano state create per te.

Illustrazioni basate su testo

Impara a conoscere la concorrenza
Monitora i competitor. Dove stanno facendo bene e dove potrebbero migliorare ulteriormente? Quali altri brand (anche al di fuori del tuo ambito) ammiri e perché? Esiste un modo per seguire i loro passi senza copiarli?

Strumenti creativi professionali
Molte piccole aziende non hanno le risorse necessarie per ingaggiare designer o fotografi professionisti che creino i loro contenuti; piuttosto tendono a coordinare tutto in prima persona. Creare un’identità visiva coerente non è necessariamente complicato o costoso. Potresti già conoscere aziende che dispongono di un archivio di immagini, come iStockphoto, oppure magari la tua azienda ha già un archivio. Forse non sai che potresti trovarvi anche illustrazioni, inclusi file da utilizzare come sfondi, bordi o componenti di design già utilizzati in precedenza per materiali promozionali.
Dopo esserti occupato del look and feel, prepara delle linee guida per far sì che il tuo brand venga sempre comunicato in modo coerente. Queste linee guida dovrebbero rispecchiare i valori e lo spirito della tua azienda, il tono di voce, lo stile tipografico, fotografico e illustrativo, la palette dei colori, i layout e così via. Configurando queste linee guida, e mantenendole in ogni tua comunicazione, potrai evitare di creare materiali di marketing dall’aspetto poco professionale o che non rifletta il tuo brand.
Il tempo passa, è il caso di rinfrescare la tua immagine? Chiediti: quando è stata l’ultima volta che hai riflettuto sulla tua immagine aziendale? Trovi difficoltà ogni volta che un potenziale cliente ti richiede informazioni? Il settore è cambiato da quando è stata creata la tua azienda? E la concorrenza? Cosa offrono i materiali delle tue aziende concorrenti rispetto ai tuoi?

Trend chiave
Siamo stati inondati di pubblicità in così varie forme e per così tanto tempo, che ormai il pubblico riesce a capire quando i messaggi sono falsi, scadenti o ipocriti. Grazie, in parte, all’influenza della “tv verità”, si è diffusa la tendenza ad utilizzare persone e situazioni reali nelle comunicazioni di marketing.
Durante i miei recenti viaggi in Australia, ho notato che il Paese dispone di una cultura illustrativa piuttosto ricca, con mezzi che vanno dai render 3D a immagini vettoriali usati in pubblicità, inviti, volantini e altri materiali di marketing. Questo non sorprende, poiché l’infinita adattabilità dei vettoriali li rende la scelta migliore per sfondi, texture e rivestimenti, elementi per la navigazione, banner e decorazioni. Ciò che sta cambiando è il modo in cui le illustrazioni vengono utilizzate e i loro stili, che stanno evolvendo e diventando sempre più popolari. Venendo incontro alla tendenza di autenticità e di siti di “ritorno alle origini” come quelli di Pinterest ed Etsy, si tende sempre più a creare illustrazioni di stile classico.
Di seguito alcuni trend illustrativi chiave per trovare ispirazione e iniziare a creare l’identità visiva e di marketing del tuo brand:

Stile “fatto a mano”: il disegno a mano libera non è una tendenza nuova, ma è assolutamente in auge. I designer continuano a esplorare la texture dei gessetti, della pittura e dell’inchiostro, delle linee minimali e dell’effetto pennello su sfondi di carta.
Tecniche organiche: la mania del “fare a mano” si riflette nel crescente numero di illustrazioni in cui vengono utilizzati gli strumenti e le tecniche che lo contraddistinguono; si tende ad adattare le tecnologie per portare alla luce un marcato stile artigianale, piuttosto che far dettare dagli strumenti cosa può e non può essere fatto.
Grafica ispirata alla stampa: una ramificazione particolare di questa impollinazione incrociata e interdisciplinare è la grafica ispirata alla stampa. Lastre di colore ispirate a blocchi di legno sono abbinate a tonalità ricche, tipiche dell’era della stampa pre-digitale.
Fascino vintage: un trend versatile che offre graziosi pattern, pizzi e un tocco retrò.
Immagini più dettagliate: con l’aumento delle risoluzioni, dai nuovi monitor del desktop allo schermo del tuo dispositivo mobile, i designer stanno traendo vantaggio dal numero di pixel extra.
Vettoriali protagonisti: si vedono sempre più illustrazioni utilizzate come titoli e immagini principali, rispetto a semplici immagini sovrapposte o di supporto.

Qualunque stile tu scelga, mantieniti onesto e coerente. Lo stile grafico che utilizzi deve riflettere le caratteristiche chiave del tuo brand, per non creare una disconnessione tra promesse ed esperienza, indebolendo la fiducia dei clienti nel tuo business.
Il tuo brand riflette la tua azienda, rimani fedele ai suoi valori chiave e a ciò che rappresenta.

Riccardo Scandellari
Riccardo Scandellari
Curatore di contenuti, blogger, creativo e giornalista. Esperto di personal branding, reputazione online e consulente di marketing digitale
Recent Posts
Contattaci

Contattaci per avere informazioni sulle nostre attività

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search

Lddionatale shopping